Francesca Sassu

Piano Regionale per i Beni Culturali, gli Istituti e i Luoghi della Cultura
Consulente

Il Piano Regionale per i beni culturali, gli istituti e i luoghi della cultura 2008-2010, previsto all’art. 7 della L.R. 14/2006, definisce obiettivi, priorità strategiche e linee di intervento della politica regionale dei beni culturali; il Piano è inoltre strumento attraverso il quale si coordina l’azione dei vari livelli di governo, delle istituzioni culturali, operatori e portatori di interesse del territorio per un uso efficiente delle risorse. Per perseguire e indirizzare le scelte ex ante, il Piano procede da obiettivi strategici, risorse disponibili, comportamenti e decisioni di tutti soggetti da esso interessati.
La scelta di avvalersi dello strumento di Piano comporta la definizione di precise scelte metodologiche che permettano di operare con efficacia e di stabilire pratiche innovative di politica territoriale.
Di conseguenza, il Piano non si limita a fornire criteri ed indicazioni meramente operativi, ma situa questi ultimi all’interno di una riflessione complessiva sulla pianificazione territoriale culturale, articolandola ed analizzandola sotto diversi punti di vista.
Nella fase di assimilazione e disseminazione dei contenuti del Piano, primo importante obiettivo è fornire ad amministratori e tecnici operanti sul territorio un quadro concettuale di riferimento che orienti la loro azione. Secondo e conseguente obiettivo è stimolare la formazione di buone prassi che diventino riferimento per tutti gli ambiti locali. Terzo obiettivo è quello di pervenire, gradualmente, alla formazione di una cultura comune della pianificazione che faciliti la comunicazione e il coordinamento dei vari ambiti territoriali e produca un interscambio sempre più ricco di risorse, progettualità e talenti.

Leggi il Piano
I vostri commenti